Massimo Dovere
Presidente del sindacato Fe.N.O.S.A. Italia

Il momento in cui ci troviamo rende questa realtà davvero interessante, perchè chi conosce il campo sa che solo alla fine si vince e con un avversario così perfido, come  il male che si sta abbattendo nelle e sulle nostre famiglie, ci vogliono senza dubbio scelte forti e controcorrente. Le condizioni davvero eccezionali portano a definire l’attesa e l’insicurezza come uno stato di vita e non capire come procedere ci rende sempre più fragili. Giorno per giorno si apre il baratro su come uscire dalla catastrofe Coronavirus, ma può e deve far venire alla luce le capacità proprie di un Governo che sappia traghettare i propri abitanti fuori dal “pantano” in cui tutti noi ci troviamo. Non mi chiedo a cosa serva, nè se servirà, ma sicuramente si scrive un capitolo di storia recente nell’asfittico movimento della Pallamano. Nella responsabilità umana e anche istituzionale ed in qualità di Presidente della mia federazione, che garantisce i diritti sportivi di tutti gli operatori dello Sport associati ad essa, va questa mia lettera aperta alla pallamano che mai come in questo momento può maggiormente subire per non rialzarsi più. A voi la libera partecipazione a leggerla perchè non rende nessuno schiavo o suddito ma piuttosto partecipativo ad un inevitabile cambiamento. La mia voce fuori dal coro e sempre stata imparziale e possa in qualche modo innescare speranze innovatrici e infondere finalmente la dignità che ogni sportivo merita di conquistare.

Un saluto Massimo Dovere

Lettera Intestata Presidente Fenosa Italia alla Pallamano